Ucraina: quando il costume racconta la storia


Il costume popolare ucraino

Il costume popolare ucraino combina utilitarismo e bellezza. Il costume tradizionale è cambiato nel corso delle generazioni a causa dell’influenza di fattori storici, sociali e culturali. Fino alla metà del XX secolo, incorporava ricami ed era realizzato in lino, canapa e lana. Fare vestiti era all’epoca la principale attività economica degli ucraini. Ogni modello di abbigliamento tradizionale suggeriva la provenienza  etnico, lo stato sociale e lo stato civile della persona.

Oggi possiamo trovare un gran numero di indumenti ricamati ucraini conservati in diversi musei negli Stati Uniti d’America e in Canada a causa della migrazione di massa degli ucraini nel XIX e all’inizio del XX secolo. Durante la Seconda guerra mondiale, molte persone seppellirono i loro vestiti in terra per preservare l’inestimabile patrimonio nazionale del ricamo degli occupanti sovietici e tedeschi. Dopo la fine della guerra, gli abiti tradizionali ricamati divennero una manifestazione di appartenenza alla nazione ucraina e furono indossati da scrittori, politici, attivisti e giornalisti.

Il ricamo tradizionale ucraino è diventato oggi una fonte di ispirazione per molti marchi di lusso internazionali come: Gucci, Dolce & Gabbana, Jean-Paul Gaultier, John Galliano e molti altri.


Il progetto Homestead

Homestead risulta dalla collaborazione della fondazione Ukrainian San Antonio con il Museo Nazionale dell’Architettura e della Vita Popolare dell’Ucraina, a Kiev. Questo museo conserva mobili, artigianato, vestiti, scarpe, gioielli, al fine di preservare la memoria della cultura ucraina e il suo patrimonio culturale.

Grazie a questa collaborazione e a un lungo lavoro di ricerca, Homestead ha potuto abbinare accuratamente l’architettura, i mobili e suppellettili, l’abbigliamento di ogni regione principale dell’Ucraina e riprodurre l’atmosfera coinvolgendo abitanti di oggi come attori principali. Attraverso una serie di fotografie di queste ricostituzioni, il progetto ci educa sulla diversità culturale e sui costumi delle diverse regioni dell’Ucraina. Le fotografie presentano abiti tradizionali ucraini, stili architettonici, acconciature e accessori tipici di un territorio e di un periodo specifico, compreso tra la fine del XIX e l’inizio del XX secolo. Homestead è un progetto unico nel suo genere per la sua dimensione divulgativa. Infatti, il suo obiettivo è di far conoscere la ricchezza culturale dell’Ucraina agli ucraini ancora presenti sul territorio, a quelli che appartengono ormai alla diaspora ma anche a un pubblico molto più vasto.

Le immagini realizzate, arricchite di descrizioni molto dettagliate, fanno l’oggetto di cartoline, in vendita per finanziare le esposizioni in altri paesi.  


Affiche

La giornata mondiale della “Vyshyvanka”

by Lesia Voroniuk

La Giornata Mondiale della Vyshyvanka è una festa internazionale dedicata alla conservazione di una camicia ricamata  conosciuta sotto il nome di Vyshyvanka), e parte ormai del patrimonio culturale e spirituale del popolo ucraino.

12 bis 1

Questa iniziativa, nata da una piccola azione flash mob studentesca nel 2006 a Chernivtsi, si svolge ogni terzo giovedì di maggio, in più di 100 paesi. Gli ucraini e gli amici dell’Ucraina indossano la Vyshyvanka al lavoro, nelle università, nelle scuole e persino negli asili nido.

In Ucraina, questa giornata è diventata una vera celebrazione dell’unità nazionale e ha rilanciato la Vyshyvanka come elemento del patrimonio culturale che doveva essere rianimato e reso popolare dopo diversi decenni di decadenza.

La Vyshyvanka ucraina è unica nella galassia del costume tradizionale. Presenta oltre 200 fra varietà di tecniche di ricamo, stili e ornamenti vari ed è un simbolo nazionale della lotta per l’indipendenza, un simbolo di invincibilità dello spirito e un simbolo di speranza e amore.

Prima dell’arrivo della produzione industriale in Ucraina, molte persone adornavano i loro abiti con ricami. Per secoli gli ucraini hanno conservato le camicie ricamate e l’artigianato come un valore speciale e un codice genetico duraturo della nazione. Indossavano sempre camicie ricamate, anche quando sotto le dominazioni, quando era loro proibito di parlare la loro lingua o erano seguiti da vicino dai regimi totalitari sovietici.

Forse è per questo che gli ucraini moderni trattano la Vyshyvanka con tale riverenza e solennità, poiché ha trovato un posto speciale fra gli abiti, nei cuori e nelle tradizioni familiari ucraine.

Oggi, la Vyshyvanka è anche un simbolo della simpatia degli stranieri nei confronti dell’Ucraina. Indossandolo, politici stranieri, attivisti culturali e altri cittadini mostrano interesse per la cultura ucraina e, a loro volta, sottolineano l’integrità del passato, presente e futuro europeo dell’Ucraina.

Negli anni ’80 e ’90, nonostante l’attenzione dell’élite culturale e dei dissidenti, la notorietà del Vyshyvanka conobbe un vero e proprio deterioramento, soprattutto nelle grandi città, dove fu trasformato in canovaccio, zerbino o coperta per animali domestici. Una Vyshyvanka di 100 anni poteva essere scambiata con un pezzo di sapone o di detersivo.

Il divario nella comprensione dell’importanza del patrimonio culturale tra le élite culturali e la popolazione si è ampliato. È stato dopo la rivoluzione arancione del 2004 che le cose hanno iniziato a cambiare.

Il World Vyshyvanka Day è nato nel 2006, sotto forma di una piccola azione flash mob studentesca presso la Facoltà di Storia, Scienze Politiche e Relazioni Internazionali dell’Università Nazionale Yuriy Fedkovych Chernivtsi. L’autrice dell’idea è stata una studentessa Lesia Voroniuk. L’impulso è venuto dalla camicia ricamata che il suo amico Igor Zhytariuk e altri studenti indossavano regolarmente al college. Lesia Voroniuk ha proposto ai suoi compagni di classe e ad altri studenti di scegliere un giorno in cui tutti potessero indossare la loro Vyshyvanka.

Nel 2011, il fenomeno è entrato nel Libro dei primati ucraino a causa del numero di persone che indossavano Vyshyvankas contemporaneamente nello stesso posto (più di 4000 nella piazza centrale di Chernivtsi). Successivamente, questo record è stato più volte superato in altre città dell’Ucraina.

Vyshyvanka day in google
Vyshyvanka Day in Google…

Da allora, i fondatori della festa (Lesia Voroniuk, Oleksandr Tkachuk, Mykhailo Pavliuk, Serhii Bostan, Oksana Dobrianska) hanno diffuso l’iniziativa in tutto il paese e ben oltre.

La ONG World Vyshyvanka Day è stata fondata nel 2015 per realizzare progetti in Ucraina e all’estero. L’ONG collabora strettamente con il Ministero degli Affari Esteri ucraino e organizza ogni anno una serie di eventi di diplomazia culturale con ambasciate e partner stranieri. L’iniziativa non solo riunisce professionisti che operano nel campo dei beni culturali, ma riflette anche l’attenzione manifestata da autorevoli organizzazioni internazionali, fra cui l’Unione Europea, l’OSCE, l’UNDP, la NATO, il G7.


LINKS




Lascia un commento

Back to top